Textes 2003

Trasparenza, efficacità e reponsabilità delle scuole

Date de rédaction : 6/08/2012

Un tempo non se ne provava la necessità. Tutti erano convinti che la propria scuola, che il proprio sistema scolastico fosse il migliore. Quindi non si valutavano né le scuole né i sistemi scolastici, non si comparavano tra loro i risultati di istituzioni scolastiche diverse o sistemi scolastici prodotti da impinati politico-amministrativi aventi ognuno una propria storia. Quest’epoca è finita. Questo testo del 2003, scritto agli albori del decennio caratterizzato dal successo spettacolare dell’indagine PISA sulle competenze degli studenti quindicenni, attira l’attenzione sull’importanza della valutazione delle scuole e dell’insegnamento nonché sulla necessità della valutazione accoppiata all’autonomia scolastica.

Lire la suite...

  • Articles
  • Brèves

Trasparenza, efficacità e reponsabilità delle scuole

Un tempo non se ne provava la necessità. Tutti erano convinti che la propria scuola, che il proprio sistema scolastico fosse il migliore. Quindi non si valutavano né le scuole né i sistemi (...)

Luci ed ombre del decentramento in Europa

Il seminario del 29 novembre 2003 ha aperto un nuovo campo di lavoro per l’ADI (Associazione Docenti Italiani), quello sulla riforma del sistema scolastico italiano nel senso della (...)

La condizione degli insegnanti in Europa

In questa relazione si mettono in evidenza le condizioni di lavoro del tutto anomale degli insegnanti italiani rispetto a quelle in vigore in altri Paesi. La relazione si basa su dati comparabili (...)

Gli indicatori dell’istruzione: uno strumento di lavoro per le politiche dell’istruzione

La Regione autonoma del Friuli-Venezia Giulia ha tentato alcuni anni fa di impostare un programma regionale di valutazione. Il progetto Pro.Va.Re ha mobilitato molte scuole in esperienze di (...)

Valutare: da necessità a virtù.

Valutare è una scienza. Non ci si improvvisa valutatori. Un valutatore virtuoso padroneggia non solo le tecniche psicomotriche di valutazione e di analisi dei dati, ma applica procedure (...)

L’autonomia: competenze sulla carta e nella realtà

Pas de brèves