Articolo scritto per la traduzione italiana del rapporto conclusivo del progetto internazionale DESECO dell’OCSE

Version imprimable de cet article Version imprimable

Le origini del progetto DESECO

Rapporto finale del progetto DeSeCo (Definizione e Selezione delle Competenze Chiave), sviluppato nell’ambito dell’OCSE mirante ad identificare un insieme di competenze ritenute indispensabili per condurre un’esistenza in modo consapevole e responsabile in un tipo di società complessa come lo sono le società contemporanee basate su un’economia di mercato globalizzante e su un tipo di sviluppo competitivo, liberista, neo-capitalista.

Il volume "Agire le competenze chiave. Scenari e strategie per il benessere consapevole" testé pubblicato dalla casa editrice Franco Angeli presenta il rapporto finale di uno dei progetti più ambiziosi svolti in seno alla direzione dell’educazione dell’OCSE dal 1997 fino al 2002, ossia il progetto DeSeCo ( Definizione e Selezione delle Competenze Chiave).

Dalla quarta di copertina

"Il tema delle competenze viene affrontato considerandole un elemento determinante per incentivare una vita realizzata e il buon funzionamento della società, già a partire dai curricola scolastici. La flessibilità, l’adattabilità, la mobilità sono le caratteristiche che l’uomo moderno deve possedere per vivere consapevolmente la sua vita e per far fronte alla molteplicità di ruoli che affronta quotidianamente...

...Se questo insieme è individuabile: qual è la natura di queste competenze e cosa le contraddistingue come competenze chiave? Come possono essere descritte e giustificate a livello teorico? Quali sono le componenti di queste competenze? Il tema delle competenze viene affrontato considerandole un elemento determinante per incentivare una vita realizzata e il buon funzionamento della società, già a partire dai curricola scolastici. La flessibilità, l’adattabilità, la mobilità sono le caratteristiche che l’uomo moderno deve possedere per vivere consapevolmente la sua vita e per far fronte alla molteplicità di ruoli che affronta quotidianamente. Il progetto propone tre macro categorie di competenze - interagire in gruppi sociali eterogenei, agire autonomamente e usare gli strumenti in modo interattivo - tra loro interrelate, come espressione di maturità morale e di assunzione autonoma e responsabile del proprio apprendimento. I risultati del progetto DeSeCo aggiungono significato e profondità concettuale alla nozione di apprendimento lungo tutto l’arco della vita, definendo un contesto riflessivo per le indagini internazionali che hanno come oggetto la verifica degli apprendimenti.

Il progetto propone tre macro categorie di competenze - interagire in gruppi sociali eterogenei, agire autonomamente e usare gli strumenti in modo interattivo - tra loro interrelate, come espressione di maturità morale e di assunzione autonoma e responsabile del proprio apprendimento. I risultati del progetto DeSeCo aggiungono significato e profondità concettuale alla nozione di apprendimento lungo tutto l’arco della vita, definendo un contesto riflessivo per le indagini internazionali che hanno come oggetto la verifica degli apprendimenti."

Presentazione

Andrea Ceriani, responsabile della collana "Masters of Learning" della Franco Angeli, mi ha chiesto un testo di commento del rapporto finale del progetto DeSeCo di cui ero stato uno dei promotori. L’invito è stata un’occasione per ripercorrere le origini del progetto DeSeCo, per riflettere sul funzionamento di un progetto internazionale in campo scolastico, per chiedersi come mai ad un certo punto l’OCSE ha ritenuto opportuno che si esplorasse con il concorso dei paesi membri il tema delle competenze proprio mentre metteva a punto un’indagine internazionale sulla valutazione della literacy scientifica, matematica e letteraria dei quindicenni (l’indagine PISA). Nell’articolo allegato, inserito nel volume "Agire le competenze chiave", affronto alcuni di questi punti, ma non descrivo le modalità e le procedure adottate dall’Organizzazione internazionale per realizzare un progetto come questo. Quest’aspetto meriterebbe un’altra analisi, impostata su altri documenti. Vale però la pena rilevare che l’origine di questi testi non è dovuta al caso e che la divulgazione di questi studi coincide con l’elaborazione di strategie politiche ad ampio raggio, che tratteggiano gli scenari della cooperazione internazionale e delle politiche scolastiche nazionali per almeno un decennio.

Les documents de l'article

DESECO_italia.pdf