Intervista a cura di Andrea Ceriani , manager di KKIEN Enterprise, Milano, in corso di pubblicazione

Version imprimable de cet article Version imprimable

L’attualità nei curricoli e nelle politiche scolastiche

Temi trattati:

1. Le politiche scolastiche sono diverse in ogni paese, ma quali saranno gli aspetti che maggiormente risentiranno delle conseguenze prodotte dalla crisi?

2. Quali sono stati gli strumenti che le diverse politiche della scuola hanno più utilizzato per attenuare gli effetti della crisi?

3. Con quali strumenti la scuola può essere di aiuto per far comprendere le radici della crisi e formare una maggiore consapevolezza nelle persone coinvolte?

4. Quali comportamenti virtuosi può o deve suscitare la scuola, nei confronti degli studenti, dopo questo periodo di crisi?

I sistemi scolastici sono autoreferenziali e evolvono secondo una propria logica interna principalmente impostata in funzione della riproduzione e sopravvivenza del sistema. La crisi economica recente ha certamente suscitato riflessi di autodifesa nei sistemi scolastici i quali sono sufficientmente potenti per difendersi e incassare le ripercussioni della crisi finanziaria e ancor più di quella politica connessa alle perturbazioni dei mercati. In conclusione la crisi economica dalla quale si sta uscendo non ha che leggermente intaccato la soiidità del sistema.

Manca però un’analisi comparata delle reazioni dei vari sistemi scolastici : taluni sono stati molto passivi, altri invece hanno reagito vivacemente (come quello degli Stati Uniti). La componente poitica, la speculazione elettoralistica , l’opportnità straordinaria di sfruttare la crisi per rafforzare il sistema sono altrettante situazioni che concorrono a spiegae la diversità delle reazioni.

 

Articolo in corso di pubblicazione. Le referenze saranno annunciate al momento della stampa.

Les documents de l'article

pdf_Ceriani_intervista.pdf