Presentazione dell’insieme d’indicatori internazionali dell’istruzione prodotti dall’OCSE nel 2011.

Version imprimable de cet article Version imprimable

A cosa servono gli indicatori dell’istruzione ?

Come ogni autunno , dal 1992, quasi senza nessuna soluzione di continuità, l’OCSE pubblica un corposo insieme d’indicatori sullo stato dei sistemi scolastici. Il volume, di quasi 500 pagine, è denso di dati, di statistiche, di note, di referenze. E’ diventato una bibbia dell’istruzione. Quella di quest’anno fotografa lo stato dei sistemi scolastici tra il 2008 e il 2009, a seconda dei dati a disposizione. Non è facile leggere queste informazioni che tentano di essere comparabili tra loro, il che rende il prodotto molto complicato, zeppo di sottigliezze, che vanno decifrate con calma e grande acume.

L’articolo qui allegato è stato preparato per il sito dell’ADI. Ha la pretesa di prendere per mano il lettore per decifrare tre indicatori che riguardano da vicino il sistema scolastico italiano :

  • la spesa per gli stipendi degli insegnanti,
  • la proporzione della popolazione adulta, sia quella anziana che quella giovane, con un diploma d’istruzione post-secondario, e
  • la proporzione di giovani tra i 15 e i 19 anni inattivi, che non studiano, non si formano, non cercano un lavoro.

L’interpretazione è libera : l’OCSE offre la sua, ogni lettore deve farsi la propria, ma per giungere a questo punto occorre capire le tabelle e i grafici, il che non va da sé, come lo dimostrano i tre casi presi in considerazione.

E’ bene ricordare che nessun indicatore è neutro, neppure quelli che si presentano sotto una veste molto statistica e apparentemente "oggettiva".

Les documents de l'article

Education_at_Glance_2011_download.pdf