Version imprimable de cet article Version imprimable

Test di matematica a New York per i bambini della scuola materna?

Nulla di quanto succede nelle scuole di New York può lasciare indifferenti gli analisti delle politiche scolastiche,perché presto o tardi quanto si è sperimentato in questa città si diffonderà altrove.

A fine agosto la stampa americana ha dato rilievo ad un comunicato dell’agenzia Associated Press , indicato in calce, nel quale si annunciava che le autorità scolastiche della città avevano invitato i direttori delle scuole elementari della città a somministrare a titolo sperimentale un test di matematica ai bambini delle scuole materne. L’esperimento propone un test della durata di 90 minuti per i bambini della scuola materna fino agli allievi della seconda classe della scuola primaria con una modifica del test di comprensione della lettura già in corso. La scusa adottata è quella di fornire ai direttori delle scuole informazioni sulla qualità della loro scuola prima della valutazione di terza elementare imposta dalla legge federale NCLB(No Child Left Behind).

La proposta dell’amministrazione del sindaco Michael Bloomberg si inserisce nel dibattito in corso negli Stati Uniti sull’ uso sistematico delle prove standardizzate nel servizio scolastico.

Il programma è dotato di una somma di 400 000 dollari. 65 direttori (o dirigenti) hanno dichiarato di essere interessati alla proposta, il che coinvolgerebbe una popolazione di circa 12 000 bambini. In assoluto le cifre non sono elevate rispetto alle dimensioni del sistema scolastico della città, ma il significato della decisione lascia allibiti. [1]

Molti ritengono che un apprendimento precoce della matematica e della lettura già nel corso sull’educazione prescolastica abbia effetti benefici a lungo termine sugli apprendimenti, in particolare sul livello di competenze in matematica e sul livello di comprensione della lettura a dieci anni. Benché nulla di simile sia stato dimostrato in modo inoppugnabile, molti responsabili politici in diversi sistemi scolastici sono convinti che questa sia la via da seguire per migliorare gli apprendimenti scolastici. La trasformazione dell’educazione prescolastica in scuola o pre-scuola, l’anticipo dell’obbligo scolastico , sono un’espressione di questa tendenza.

Sulle conoscenze numeriche dei bambini a quattro anni, prima di andare a scuola, si veda per esempio la ricerca di El Haadi Saada svolta allo SRED di Ginevra (clicca qui).

[1] Per maggiori informazioni sul sistema scolastico della città di New York si consulti l’articolo apposito su Wikipedia cliccando qui.