Version imprimable de cet article Version imprimable

 Si segnala una bella indagine svolta a Ginevra sulla dispersione scolastica nell’insegnamento secondario di secondo grado. Il documento è in francese e l’indagine è stata svolta da Frank Petrucci e François Rastoldo. due ricercatori dello SRED, il Servizio per la ricerca scolastica del locale Dipartimento dell’istruzione pubblica,

Il sistema scolastico ginevrino è comparabile a quello di un provveditorato scolastico italiano di media grandezza ma è molto perfezionato. Il sistema scolastico ha una propria banca dati, una delle prime se non la prima banca dati scolastica del mondo elvetico, alla quale hanno attinto i ricercatori. La dispersione scolastica diminuisce leggermente dopo il 2010 ma solo il 30% circa dei giovani ha risposto all’indagine che pertanto è attendibile solo in parte. I due ricercatori forniscono un profilo degli studenti che abbandonano la scuola ( profilo molto interessante), un modello della dispersione e formulano anche una serie di quattro raccomandazioni per conoscere meglio il fenomeno, identificano i fattori a rischio più probabili e quelli che facilitano la ripresa della formazione dopo la crisi e l’abbandono. Si osserva che le difficoltà scolastiche anteriori sono un fattore che ostacola la ripresa della formazione e che la dispersione è facilitata dall’insieme delle prestazioni e dei servizi specializzati sorti all’interno del sistema scolastico per combattere la dispersione.

L’indagine non prende in considerazione gli apprendisti che sono una frazione importante della popolazione giovanile ginevrina perché la dispersione degli apprendisti ( ossia la proporzione degli apprendisti che smettono l’apprendistato) è stata studiata in un’altra indagine dello SRED.

 

Il documento:

 

Interruptions prématurées de la formation à Genève . Résultats de l’enquête auprès des jeunes décrocheurs

A cura di Frank Petrucci e François Rastoldo, SRED Ginevra 2015

 
Il documento in francese può`essere consultato cliccando qui.