Version imprimable de cet article Version imprimable

Quante chiacchiere all’UNESCO e alla Banca Mondiale sulla scolarizzazione per tutti [1]. Ecco un flash su una caso particolare in una scuola primaria del Senegal. Manca di tutto: acqua corrente, bagni, carta, banchi per allievi. Questa situzaione non è rara; anzi è generale. Fin quando ci si intestardisce a scimiottare e a pappagallare le scuole del Nord, non si riuscirà mai a realizzare l’educazione per tutti entro il 2020. L’obiettivo è materialmente irrealizzabile ma ha il pregio di permetter a centinaia di studiosi e pseudo-esperti di incontrarsi in luoghi ameni per discuterne.

Riportiamo uno stralcio di un articolo dell’agenzia stampa senegalese sulla scuola di Kolibantang nella Casamancia.

 

"La mancanza drammatica di banchi ha paralizzato lo sviluppo delle lezioni durante i mesi di ottobre e novembre scorsi ", scrive l’agenzia di stampa senegalese in un articolo nel quale si rende conto della situazione esistente nella scuola di Kolibantang, un villaggio della Casamancia. "Le entrate risultanti dalle quote d’ iscrizione degli allievi [2] sono state utilizzate per il confezionamento dei banchi per le classi di quinta e quarta elementare. I genitori sono molto inquieti". La scuola è passata in un anno da 117 a 217 alunni: questo è il risultato della politica [3] di scolarizzazione universale. Tutte le aule non sono che rifugi di fortuna., capanne. L’ufficio del direttore [4] è una semplice capanna nella quale ci sono solo cinque sedie prestate dalla popolazione del villaggio. Nella scuola non c’è né acqua né ci sono i bagni. [5]. La stessa situazione si applica gli insegnanti. "Questa situazione è tutt’altro che incoraggiante, spiega gli alti tassi d’abbandono, non motiva affatto ad andare a scuola e per finire, il peggio, espone le ragazze a matrimoni precoci ]].

[1] EPT, Education pour tous

[2] La scuola pubblica non è gratuita

[3] Politica sconsiderata, alimentata dalle agenzie internazionali. Qui si potrebbe parlare di politica irresponsabile

[4] Per scimiottare le scuole del Nord c’è anche un direttore in queste scuole

[5] Gli allievi devono arrangiarsi per fare i loro bisogni