Version imprimable de cet article Version imprimable

Nel settembre 1992 l’OCSE pubblicò il primo insieme d’indicatori internazionali dell’istruzione. Nei prossimi giorni l’OCSE presenterà l’edizione 2012 di quest’insieme in un volume il cui titolo non è cambiato da allora : "Regards sur l’éducation" o "Education at a Glance" [1]. Durante questo ventennio c’è stata una sola interruzione nella serie. Si tratta di un evento considerevole che ha contribuito a modificare le politiche scolastiche.

 

L’insieme d’indicatori dell’istruzione nel corso di questi vent’anni è cambiato, ha evoluto. Ci sono però indicatori stabili, consolidati accanto ad indicatori nuovi, apparsi nel corso degli anni. L’insieme d’indicatori è diventato più credibile, i dati sono migliori, le comparizioni tra paesi sono più raffinate. Il progresso nella qualità dell’informazione è notevole.

 

E’ bene ricordare in occasione di questo anniversario che la pubblicazione nel 1992 non fu affatto semplice. Le resistenze e le opposizioni non mancarono, in primis all’interno dell’OCSE dove il capo della Direzione dell’educazione, l’Australiano Malcom Skilbeck guidava la fronda contro la preparazione di questo insieme. La pubblicazione fu possibile solo grazie alla fermezza del capo della Direzione dell’occupazione, del lavoro, della manodopera e dell’istruzione (DEELSA), Tom Alexander.

Il progresso compiuto dopo d’allora è indiscutibile. Agli inizi solo uno sparuto gruppetto si occupava della questione mentre ora sotto la direzione di Andreas Schleicher i collaboratori impegnati nella preparazione di EAG formano un grosso nucleo di ricercatori. La musica è cambiata.

I dati sulla scuola italiana inseriti oggigiorno nell’insieme d’indicatori internazionali sono indubitabilmente migliori e più completi di quelli forniti vent’anni fa, ma lo stato della scuola italiana in un’ottica comparata non è affatto brillante [2].

L’insieme d’indicatori dell’istruzione dell’OCSE può essere consultato nel sito dell’OCSEoppure può essere acquistato direttamente presso la libreria dell’OCSE.Le versioni ufficiali sono in due lingue : inglese o francese.

[1] Acronimo "EAG"

[2] I dati italiani riflettono la qualità della statistica scolastica in Italia e il livello d’informazione del MIUR sull’istruzione in Italia