Version imprimable de cet article Version imprimable

I telefoni cellulari sono vietati in tutte le scuole pubbliche di NY City. Migliaia di studenti studenti sono stati costretti a pagare un dollaro al giorno per depositare il loro telefonino portatile in un camion parcheggiato nelle vicinanze della scuola (vedasi foto). Che bella ipocrisia, che grande ingiustizia ! Non tutti gli studenti infatti possono permettersi una cosa simile. Anche gli iPOD e gli iPad sono proibiti nlle scuole della città di NY, ma l’interdizione la si applica solo nelle 88 scuole che hanno un "metal detector" installato per reperire le armi. Questi portali però permettono anche di scoprire il materiale elettronico.

I camion che raccolgono il materiale degli studenti sono attrezzati per evitare di essere attaccati e svaligiati ma nell’estate scorsa uno di questi camion nel Bronx a NY fu saccheggiato e 200 studenti persero i loro telefonini.

Questo è un nuovo problema per i sistemi scolastici e per le scuole dei centri urbani, per i mega-istituti scolastici costruiti nel passato, per i DS e per gli amministratori scolastici. Cosa fare ? Cosa inventare ? Come procedere ? La soluzione adottata a NY non sembra proprio quella giusta. In ogni modo si apre qui una nuova pista per chi è sufficientemente ingegnoso per guadagnare soldi dalla scolarizzazione.

Questo è un esempio di quel che può succedere quando gli istituti scolastici non riescono ad elaborare una propria coerente strategia politica educativa, quando il corpo insegnante è diviso, quando il dirigente scolastico non riesce ad imporsi, non ha carisma, è un debole e deve negoziare con una minoranza di insegnanti.

Nel Quebec vicino invece ci sono scuole nelle quali gli insegnanti usano il telefonino cellulare come ausiliario didattico. La Banca Mondiale a sua volta ritiene che i telefonini siano lo strumento più adatto per l’insegnamento nei paesi in via di sviluppo perché i telefonini sono diffusi ovunque, sono poco costosi, sono più maneggiabili e resistenti di un PC. Potrebbero quindi avere un posto anche nei sistemi scolastici tradizionali. Ci sono esperienze diversissime in materia. Non occorrerebbe legiferare a questo proposito ma a NY . che è il distretto , ossia la provincia scolastica, più grande degli USA, si è deciso di procedere altrimenti.