Version imprimable de cet article Version imprimable

La DELL mette in vendita un computer portatile per gli allievi: "DELL LATITUDE": dieci pollici, schermo tattile, fatto apposta per facilitare le interazioni allievi-insegnanti, afferma la pubblicità della DELL, cinque colori, webcam incorporata. WIFI, batteria di sette ore. Prezzo ancora proibitivo: 369 US$. Pubblico preso di mira: la popolazione scolastica della scuola dell’obbligo.

 

Al posto della cartella scolastica ci sarà il computer. Questo è il primo passo per eliminare manuali scolastici, libri di scuola, quaderni, righe , matite. Si comincia con l’ adescare i soggetti più vulnerabili: gli allievi. Chi resisterà? E’ la stessa storia dei prodotti di marca: scarpette e giacconi griffati, cappellini, calzini, T-shirt e via dicendo.

 

Le grandi ditte dell’informatica sono sul piede di guerra per conquistare il mercato scolastico. Un affare d’oro. Mentre l’industria privata imporrà i propri programmi, i propri standard, gli insegnanti , i dirigenti, i politici stanno a guardare e subiscono l’erosione della loro sfera di potere, quella sui programmi d’insegnamento, vittime di massicce campagne pubblicitarie che tolgono loro di mano il controllo sulle conoscenze scolastiche.

 

Per ora siamo solo agli inizi. Quale sarà la parata dei sistemi scolastici? Inventare un proprio prodotto, il portatile targato MPI? Potrebbe anche succedere. In ogni modo non c’è da allarmarsi. Ci vorranno una decina d’anni prima di giungere a questo punto.